25 Marzo 2019
RSS Facebook Twitter Linkedin Digg Yahoo Delicious
OkNotizie

Featured News

MultimediaMente - Awards

siti internet
net parade migliori siti
BlogItalia - La directory italiana dei blog
Review www.multimediamente.it on alexa.com

AdsManager Search


Martedì 05 Marzo 2013 08:43

The Last Stand

Written by  Obi Wan Kenobi
Rate this item
(11 votes)

La Quercia di Graz è tornata, preparatevi, farà saltare ogni cosa, salterà tutto in aria... chi è cresciuto con “i muscoli sono la migliore cosa contro i cattivi” non può non aggregarsi alla festa. Dal regista Kim Jee-Woon, già segnalatosi per film come Il buono, il matto il cattivo e Ho visto il diavolo, ecco un vecchio carro-armato, dal guscio di acciaio, pronto a far saltare ogni cosa. Non fraintendete, questo film non è perfetto ma incorpora due elementi a mio avviso fondamentali, azione vorticosa al top e Arnie. Non è una questione di cosa possa o non possa piacere, il Terminator è tornato e questo è un fatto, è tornato, grigio, con il fegato e ci si divertirà. Come ho detto prima questo film  non è perfetto ma è più che buono, abbastanza accattivante senza essere completamente stupido per gente dai gusti difficili. È il trucco più vecchio del mondo, buoni contro cattivi e indovinate chi resta alla fine vivo, forse l’inizio sarebbe potuto essere un pò più sostenuto ma una volta ingranata la marcia, il tritatutto inizia a macinare a ritmo incalzante, come un giro sulle montagne russe, grandi stunt, effetti assolutamente sopra le righe come anche le performance del cast. l’accento marcato di Arnie è quello che mancava da ascoltare (solo per chi vedrà questo film in originale), si sono avuti solo suoi piccoli barlumi nei due round con I Mercenari ma adesso la scena è di nuovo tutta sua.

L’azione più grande nella cittadina più piccola, poteva essere questa la frase del promo, sembra strana forse, anche un pò inusuale se vogliamo ma funziona perfettamente infatti proprio in questa cittadina i migliori dei peggiori trafficanti di droga si daranno appuntamento per scappare nel Messicali tutti d’un fiato e nessuno potrebbe fermali eccetto Lui. Ogni scena conserva uno strano stile e ne apprende di nuovi, una regia non ancora del tutto contaminata nell’ovest, dall’ovest, tagli e movimenti molto rapidi, come proiettili, montaggio serrato più veloce che furioso, corse in auto, salti, dialogo appena indispensabile anche un pò clichè, esplosioni a go go sino... alla prossima esplosione ancora più grande. Inutile star qui a descrivere per filo e per segno la trama. Il punto più debole del cast a mio avviso è Johnny Knoxville, impossibile non farsi scappare qualche risata anche non intenzionale pensando alle sue precedenti performance, il resto dei personaggi fa bene il proprio lavoro,  Forest Whitaker, Luis Guzman, Jaimie Alexander, Eduardo Noriega e non dimenticate lo sceriffo, Arnold Schwarzenegger.

Considero anche l’effetto temporale, questo film esce perfettamente in tempo per il ritorno ufficiale da protagonista dell’ex governatore della California, certamente questo non è un genere che possa piacere a tutti ma dannazione c’è bisogno di un pò di sana violenza, di qualche vecchio ed iconico attore e di una storia che si muove e si evolve attorno a lui. Chi meglio di Arnold? Ricordate Codice Magnum, predator, Conan, True Lies, ho lasciato T1 e T2 volutamente fuori. Ci hanno calcato troppo la mano con l’azione... forse, davvero incredibile... forse, troppo divertente certamente ed è anche un modo positivo di vedere le cose, una prospettiva diversa dal solito se mi fa sentire appagato tanto è sufficiente e il resto conta poco o niente. Potrà essere vecchio e ancora fuori forma ma è tornato e questa è la cosa più importante.

Last modified on Martedì 05 Marzo 2013 08:48

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Popular1

Popular2

Popular3

Popular4

Popular5

Popular6