12 Dicembre 2017
RSS Facebook Twitter Linkedin Digg Yahoo Delicious
OkNotizie

Featured News

MultimediaMente - Awards

siti internet
net parade migliori siti
BlogItalia - La directory italiana dei blog
Review www.multimediamente.it on alexa.com

AdsManager Search



Warning: Creating default object from empty value in /var/www/vhosts/multimediamente.it/httpdocs/components/com_k2/models/item.php on line 458

Megaupload chiuso: Arrestati CEO e altri dipendenti

Written by  gaetano
Rate this item
(0 votes)

Negli Usa l’Fbi in collaborazione con il Dipartimento di giustizia ha chiuso Megaupload e Megavideo tra i piu’ popolari archivi di film e musica online e arrestato il fondatore Kim ‘Dotcom’ che rischia 50 anni di carcere. Secondo l’accusa, l’attivita’ di Megaupload e’ costata piu’ di 500 milioni di dollari in mancati profitti ai legittimi detentori di diritti.

Subito l’offensiva degli hacker: Anonymous ha reso irraggiungibili i siti del dipartimento di Giustizia, della Universal, di Ria e Mpaa.

Ma l’affare Megaupload si ingrossa, gettando pesanti ombre sul mondo dei lucchetti digitali. Questo non solo per il problema che si è creato, per gli utenti del famoso servizio di file-sharing, che si sono improvvisamente trovati nella condizione di non poter accedere ai proprio dati personali (documenti, foto, video ecc.). I concorrenti di Megaupload, infatti, iniziano a temere di subire una sorte simile.
A tal proposito, FileSonic e Uploaded.to hanno iniziato oggi una cura dimagrante, riducendo pesantemente i loro servizi al fine di evitare possibili accuse di violazione del copyright. FileSonic ha censurati qualsiasi funzionalità di condivisione. Nella homepage del sito si legge «I nostri servizi possono essere usati soltanto per caricare e recuperare i file caricati personalmente.». Uploaded.to, invece, ha bloccato il traffico dagli Stati Uniti, pur rimanendo accessibile negli altri paesi.
Se si tenta di accedere a Uploaded.to da un indirizzo IP americano, si viene accolti con il messaggio «Siamo spiacenti ma il nostro servizio non è attualmente disponibile nel suo paese.» I siti non hanno fatto alcun annuncio pubblico per comunicare i cambiamenti nei servizi, cosa che porta a pensare che la decisione drastica sia conseguenza dell’arresto choc del CEO Kim Dotcom e di altri dipendenti di Megaupload.
FileSonic ha chiuso anche il programma, per gli abbonati, che corrispondeva compensi per i download dei loro file, anche questo per evitare ritorsioni contro la promozione e l’incoraggiamento all’upload di contenuti protetti da copyright.

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Popular1

Popular2

Popular3

Popular4

Popular5

Popular6