13 Dicembre 2017
RSS Facebook Twitter Linkedin Digg Yahoo Delicious
OkNotizie

Featured News

MultimediaMente - Awards

siti internet
net parade migliori siti
BlogItalia - La directory italiana dei blog
Review www.multimediamente.it on alexa.com

AdsManager Search



Warning: Creating default object from empty value in /var/www/vhosts/multimediamente.it/httpdocs/components/com_k2/views/itemlist/view.html.php on line 79

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/vhosts/multimediamente.it/httpdocs/components/com_k2/models/item.php on line 458

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/vhosts/multimediamente.it/httpdocs/components/com_k2/models/item.php on line 204

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/vhosts/multimediamente.it/httpdocs/components/com_k2/models/item.php on line 458

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/vhosts/multimediamente.it/httpdocs/components/com_k2/models/item.php on line 458

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/vhosts/multimediamente.it/httpdocs/components/com_k2/models/item.php on line 458

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/vhosts/multimediamente.it/httpdocs/components/com_k2/models/item.php on line 458

Warning: Creating default object from empty value in /var/www/vhosts/multimediamente.it/httpdocs/components/com_k2/models/item.php on line 458
Telecomunicazioni

Telecomunicazioni (6)

Children categories

  Il 4G di Vodafone arriva in altre 13 città. Salgono così a 21 i centri coperti dall'operatore mobile con la banda ultra-larga in grado di offrire una velocità teorica di download di 100 mega al secondo e 50 mega in upload. Anche se l'instabilità della connettività mobile, e non solo, autorizza a immaginare performance inferiori, si parla comunque di una velocità paragonabile a quella delle migliori linee fisse casalinghe. Questo consentirà di sfruttare appieno servizi come streaming video hd, cloud e condivisione file, ma anche semplicemente navigazione.

Per i Clienti Vodafone la connettività mobile di quarta generazione diventa così realtà a Bergamo, Bologna, Cagliari, Catania, Ivrea, Livorno, Modena, Pisa, Reggio Calabria, Taranto, Trento, Verona e Venezia. Tredici città che vanno ad aggiungersi ad altri 8 centri (Roma, Milano, Bari, Genova, Napoli, Padova, Palermo e Torino) già coperti fra ottobre a dicembre 2012. L'offerta parte da 30 euro al mese su tablet e chiavette. Per quanto riguarda gli smartphone (sono compatibili anche i più recenti modelli di Apple, Blackberry, Nokia e Samsung) l'offerta è gratuita fino al 31 maggio; poi il servizio costerà 10 euro mensili.

Diventa insomma sempre più interessante la partita sull'Lte, che insieme con la fibra rappresenta il grosso tema delle Tlc in questo 2013. In generale, quello del 4G è un servizio al quale gli operatori di telefonia credono. Prova ne sono gli investimenti di fine 2011 per accaparrarsi le frequenze: 1,26 miliardi Telecom e Vodafone; 1,1 miliardi Wind e 305 milioni H3g. Vodafone e Telecom hanno investito più di tutti per aggiudicarsi le frequenze più pregiate a 800 Mhz; anche Wind ha acquisito a 800 Mhz per il blocco confinante con le frequenze di La7, mentre H3g ha acquisito i blocchi di 2600 e 1800 Mhz.

Una scelta, questa, non premiante sul fronte dello sviluppo del 4G, ma cui 3 Italia ha in più occasioni risposto facendo presente il piano da investimenti (1 miliardo fra 2011 e 2012) per potenziare la copertura 3G Hspa+ a 42 Mega (con cui ora in Italia raggiunge 4.113 comuni, l'83% della popolazione).

Non c'è dubbio, comunque, che quella del 4G sia vissuta come una scommessa strategica. Tra gli altri operatori, su questo fronte è particolarmente attiva Tim che ha reso disponibili i servizi 4G in 21 città (che nei prossimi giorni diventeranno 25) e 9 località turistiche, con l'obiettivo di raggiungere a fine 2015 oltre il 60% della popolazione. Le città dove il servizio è attivo sono: Torino, Milano, Roma, Napoli, Ancona, Brindisi, Catanzaro, Forlì, Genova, Padova, Palermo, Taranto, Trento, Bari, Como, Perugia, Pisa, Prato, Treviso, Vicenza, Udine. A breve si aggiungeranno Varese, Piacenza, Savona e Latina.

Le 9 località turistiche sono: Cortina d'Ampezzo, Courmayeur, Bormio, Canazei, Cavalese, Madonna di Campiglio, Selva di Val Gardena, Predazzo, Tesero. Per quanto riguarda Wind, l'operatore ha reso noto che le prime offerte partiranno a cavallo dell'estate, mentre 3 Italia ha lanciato i servizi 4G a fine 2012 ad Acuto (nel Frusinate). La copertura è stata poi estesa a Roma e Milano. L'opzione Lte per attivare i servizi costa 1 euro al mese, fino a dicembre 2013.

Il Sole 24 Ore -

Giovedì 28 Marzo 2013 10:03

INNOVAZIONE E PROGRESSO TECNOLOGICO

Written by Sogesi Vodafone

Usare l’automobile, viaggiare in aereo, riscaldare il pranzo al microonde, guardare un film in alta definizione,  leggere le notizie sul web, ascoltare musica da un mp3, fare fitness con la wii, essere in contatto con il mondo attraverso una semplice videochiamata, immortalare ogni attimo con il proprio smartphone; condividere nozioni o addirittura ricevere mail utili per organizzare la propria professione, avere un telefono che permette di chiamare, inviare messaggi, collegarsi a internet, in grado addirittura di diventare un navigatore o un videogioco o, ancora meglio, scaricare applicazioni  che ti permettono di cucinare, controllare il meteo, organizzare le proprie vacanze o trovare offerte vantaggiose nella propria città… Inconsapevolmente si ha in tasca il mondo attraverso un click!

Tutto viene considerato normalità, gesti e azioni che nello scorrere della nostra vita sono consuetudine. Eppure a pensarci bene è da poco che il mondo è un business di innovazione e progresso nel quale ogni mercato è concorrenziale sul lato tecnologico, incentrando ogni aspetto in relazione alle possibilità che vengono offerte da uno smartphone.

E’ fondamentale quindi riconoscere un grande valore all’invenzione del telefono che forse più di ogni altra invenzione tecnologica ha influenzato in modo decisivo il benessere degli individui e della collettività.

Ad oggi sono molti gli operatori di telefonia che diventano sempre più concorrenziali nel proporre promozioni che legano vantaggiosi piani tariffari a smartphone o tablet, che suscitano interesse anche nelle persone che sono meno propense alla tecnologia.

Magari uno smartphone non sarà “necessario” ma di sicuro saprà essere utile, e adesso è davvero alla portata di tutti.

Martedì 27 Marzo 2012 19:23

Mediaset dov'è finito il sito?

Written by Gianluca

piersilvio_berlusconiDa ieri il sito della Mediaset 

Mercoledì 26 Ottobre 2011 07:47

HTC TyTn II - Kaiser

Written by Palmiro Neri

L'HTC Tytn II è un palmare cellulare dotato di sistema operativo Windows Mobile 6 e di Microsoft Office. Dal punto di vista estetico il terminale si presenta molto elegante e vanta di un display da 2.8 pollici reclinabile e con funzione Touchscreen. Le fotocamere integrate sono due, una da 3 megapixel e quella interna per supporto alla videochiamata. Grazie alla tecnologia HSDPA, il terminale è in grado di raggiungere una velocità 9 volte maggiore di un 3G e integra il WiFi 802.11b/g e il Bluetooth 2.0. Il terminale ha anche il GPS e il Tom Tom 6 integrati, per utilizzarlo immediatamente come navigatore satellitare.

 

Informazioni Generali

PRODUTTORE HTC
MODELLO TyTN II
PREZZO [Trova Prezzi]
SOFTWARE CONSIGLIATI
Kaspersky Proteggiti con Kaspersky Mobile Security!
TIPO Slide
DISPONIBILITÀ Terzo trimestre 2007
DATI TECNICI
RETE » Umts
» Gsm: Quad Band (850/900/1800/1900)
DIMENSIONI
Altezza 111 mm
Larghezza 58 mm
Spessore 18 mm
PESO 160 grammi
SISTEMA OPERATIVO
Nome Windows Mobile
Versione 6.0
Serie Pocket PC
Edizione Professional
PROCESSORE
Produttore SAMSUNG
MHz 400
Versione S3C2442
MEMORIA
Interna 64 MB
Espandibile » Micro SD
BATTERIA
Tipo LiPo
Autonomia Conversazione (Minuti) 250 minuti
Autonomia Standby (Ore) 250 ore
Ricarica da viaggio
Mah 1350
SIM CARD Plug in
CONNETTIVITA'
GPRS Si (4+2 slots)
HSCSD No
EDGE Si
UMTS Si
HSDPA
Mbps 3,6
HSUPA No
UMA No
IRDA Si
BLUETOOTH Si
WI-FI Si (802.11b/g)
USB Si
ASPETTO
DISPLAY
Tipo TFT
Larghezza 240 pixel
Altezza 320 pixel
Colori 65 mila
TOUCHSCREEN Si
SECONDO DISPLAY No
ANTENNA integrata
FUNZIONI
MESSAGGISTICA Email, Instant Messaging, MMS, SMS
VOCALI Memo
BROWSER » Html
» Wap
» xHtml
ALTRO » A-GPS
» Sim Application Toolkit
» Sync ML
» T9
» Vibrazione
» Vivavoce
MULTIMEDIA
FOTOCAMERA Si
VIDEOCAMERA Si
VIDEO CHIAMATA Si
LETTORE MULTIMEDIALE » 3GP
» AAC
» AAC+
» MP3
» MP4
» WAV
» WMA
» WMV
SUONERIE Polifoniche
ALTRO » Giochi
» Supporto J2ME
SUONERIE PERSONALIZZABILI Si
FOTO e VIDEO
MEGAPIXEL 3
ZOOM No
FLASH Si
RISOLUZIONE MAX FOTO 2048 x 1536 pixel
CAMERA SECONDARIA Si

 

 

Oggetto

Martedì 19 Aprile 2011 13:26

TV LCD o Plasma?

Written by gaetano

Dare una risposta alla domanda su due piedi sembra essere impossibile e a dire il vero non sempre si riesce a darla anche dopo ore e ore di studio su caratteristiche e tecnologia applicata.
La risposta che sembra essere comune in tutti è "dipende!".
Effettivamente la sopra menzionata risposta è effettivamente la più corretta. Ormai le tecnologie dei due tipi di televisori sono così sviluppate che fare una differenza netta per effettuare una scelta è impossibile. Diciamo che la cosa più sensata da fare è porsi un punto fermo, una caratteristica peculiare e usarla come fulcro per la scelta.
Adesso però vediamo di capire meglio come funzionano i due modelli.

 

 

Come funzionano
Nei TV lo schermo è composto da pixel, una piccola cella che nei TV al Plasma contiene ciascuna una miscela di gas che reagisce quando viene attraversato da corrente, passando allo stato di plasma. Durante questa trasformazione viene emessa della luce ultravioletta, resa colorata (rosso, verde,blu) dal deposito di fosfori sulla la superficie della cella. In pratica i pixel si comportano come delle minuscole lampadine (rosse, verdi o blu) la cui accensione viene comandata a seconda del contenuto dell’immagine da visualizzare. Questa tecnologia è stata la prima ad essere utilizzata per realizzare schermi TV piatti di grosse dimensioni.

 

Negli schermi LCD la luce proviene invece da una lampada (o dei LED nei TV di ultima generazione) posta alle spalle del pannello LCD o matrice TFT, composta anch’essa da pixel o celle contenenti cristalli liquidi. I cristalli liquidi reagiscono quando sottoposti segnale elettrico, le loro particelle si orientano lasciando passare più o meno luce: il principio se vogliamo quindi è opposto a quello applicato nei plasma che invece generano luce. Il colore nei TV LCD è ottenuto utilizzando dei filtri colorati, che ricoprono la celletta.

Le dimensioni contano?
La tecnologia utilizzata nei Tv al plasma condiziona la dimensione della diagonale dello schermo: non è possibile realizzare celle piccole a piacere, pertanto è difficile trovare in commercio TV al plasma con diagonale inferiore ai 37 pollici, i modelli full HD partono dai 42 pollici; la dimensione massima invece può raggiungere anche i 150 pollici. I TV LCD non hanno questo problema, le dimensioni dei TV partono da 19 pollici (ma anche meno) per raggiungere una misura massima della diagonale di 108 pollici. Quindi se si desidera un televisore molto piccolo la scelta appare obbligata, mentre nell’intervallo che va da 37 a 50 pollici (la stragrande maggioranza dei TV venduti) si hanno a disposizione entrambe le tecnologie.

Durata, sfatiamo un altro tabù
Diciamolo subito: quella dei plasma che si scaricano o che dopo alcuni anni vanno ricaricati è una bufala pazzesca. I primi TV al plasma avevano una durata dichiarata di qualche decina di migliaia di ore, circa 70.000 ore, dove il degrado delle prestazioni è dovuto più che altro ai fosfori che ricoprono il pannello che per via dell’utilizzo man mano perdono le loro proprietà "luminose", con il risultato di riprodurre colori meno intensi: un effetto del tutto simile a quello che si verificava con i vecchi TV a tubo catodico. Gli LCD potevano vantare fin da subito una maggiore durata, 200. 000 – 300.000 ore, associata alla vita delle lampade a fluorescenza impiegate nella retroilluminazione. Proviamo tuttavia a fare un po’ di conti per dare un senso a questi dati. Ipotizando di utilizzare il TV per quattro ore al giorno per 330 giorni in un anno per un periodo di 10 anni si raggiunge un monte ore complessivo di circa 13.000 ore di utilizzo, la durata quindi non pare essere un fattore di scelta tra le due tecnologie, specialmente considerando che l’orizzonte temporale di vita dei TV si è notevolmente ridotto, la rapida evoluzione della tecnologia purtroppo può rendere obsoleti gli apparecchi molto prima di dieci anni.

Consumi: diversi ma non determinati
In un periodo in cui la coscienza ecologista si fa strada tutti i costruttori dichiarano consumi dei TV in calo e nuovi procedimenti produttivi meno inquinanti. Parecchio risalto era stato dato alla notizia secondo la quale i TV al plasma hanno un consumo molto più elevato dei corrispondenti TV LCD. Notizia vera, i plasma generalmente consumano di più di un TV LCD di pari caratteristiche, ma anche in questo caso si tratta di differenze destinate ad assottigliarsi con lo sviluppo della tecnologia, soprattutto bisogna dare un senso a questa affermazione. Il peso sul bilancio familiare dipende da molto fattori, tra cui le dimensioni del TV e le abitudini di utilizzo: con un ciclo di utilizzo plausibile dei TV e considerando pannelli da 42 pollici si ottengono costi di gestione di circa 30 - 40 euro all’anno per i TV LCD contro i 40 - 50 euro necessari per il plasma.

 

Vai al seguito dell'articolo


Lunedì 28 Febbraio 2011 08:40

Asterisk

Written by Administrator

Prova Asterisk

Popular1

Popular2

Popular3

Popular4

Popular5

Popular6